logo

Indici di integrazione degli immigrati in Italia

Misurare l’integrazione degli immigrati nei singoli contesti territoriali è stata la preoccupazione di molti ricercatori, ritenendola di fondamentale importanza per gli amministratori locali e per i politici nazionali.

A farsene carico organicamente, dal 2003 fino al 2013, è stato il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro, che operativamente si è avvalso del Centro Studi e Ricerche IDOS, affidando la cura degli Indici di integrazione degli immigrati in Italia per la competenza maturata su questo versante.

L’originalità di questo Rapporto consiste nel selezionare un certo numero di indicatori statistici relativi a diversi aspetti attinenti l’integrazione degli immigrati: consistenza e caratteristiche della presenza, aspetti specifici riguardanti la famiglia, la scuola, il lavoro e così via. Questi indicatori vengono accorpati in indici omogenei (attrattività territoriale, inserimento socio-culturale, inserimento lavorativo), e da ultimo si perviene a un indicatore sintetico o complessivo, che indica il potenziale di integrazione riscontrabile nei singoli contesti (province, regioni, grandi aree territoriali) e cioè le condizioni di base, desumibili dai dati statistici così accorpati, che di per sé possono favorire in loco un inserimento più o meno soddisfacente degli immigrati.

Gli Indici di integrazione degli immigrati in Italia, corredati di tabelle disaggregate fino al dettaglio provinciale, sono consultabili sul sito www.cnel.it.
 


    via Arrigo Davila, 16 - 00179 Roma - tel. +39 06 66514345 +39 06 66514502 - P.IVA 07944581003 - note legali