logo
08 mar 2017

LA DIMENSIONE SOCIALE DELL’EUROPA - DAL TRATTATO DI ROMA AD OGGI

LA DIMENSIONE SOCIALE DELL’EUROPA - 60° ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA 1957-2017
 
Martedì, 21 marzo 2017, ore 17.00
Sala Clemenza, ABI - Piazza del Gesù 49, Roma

PROGRAMMA                  COMUNICATO STAMPA

SCHEDA DI SINTESI - LA DIMENSIONE SOCIALE DELL’EUROPA
DAL TRATTATO DI ROMA AD OGGI

Per informazioni:

Centro Studi e Ricerche IDOS
tel. 06.66514345 int.1 o 2                      
idos@dossierimmigrazione.it

 

Questo volume è stato voluto dall’Istituto di Studi Politici “S. Pio V” per commemorare il Trattato di Roma del 1957, istitutivo della Comunità Economica Europea (CEE) ed è stato realizzato insieme al Centro Studi e Ricerche IDOS con l’apporto di oltre cinquanta esponenti di vari ambiti, sia a livello scientifico che del terzo settore.
Il titolo, che fa riferimento alla dimensione sociale dell’Europa, sottolinea che non si tratta di un anniversario inteso in modo formale bensì di un tentativo di riavvicinare l’Europa agli europei, come sottolinea nell’introduzione Antonio Iodice, Presidente dell’Istituto di Studi Politici “S. Pio V”. I curatori, a loro volta, spiegano come è stata articolata la trattazione dei vari temi per raggiungere questo scopo.
La prima parte è dedicata agli aspetti storici e istituzionali e analizza: i primi Trattati degli anni ‘50 e le condizioni e gli “umori sociali” in cui sono stati approvati (con annotazioni particolareggiate sull’Italia, desunte da fonti italiane e comunitarie come Eurobarometro), le tappe dell’allargamento, l’evoluzione dell’istituto della libera circolazione e delle migrazioni (con particolare riferimento agli italiani, recatisi negli altri Stati membri fin dall’immediato Dopoguerra) con le loro problematiche, segnalando anche significative figure di operatori socio-culturali e degli istituti di patronato.
La seconda si sofferma sulle dimensioni sociali attuali dell’Unione Europea, come attestano i temi trattati: il ruolo della Corte di Giustizia, la diversità religiosa, la politica per l’imprenditoria, la mobilità studentesca e la politica culturale, la collocazione demografica europea nel contesto mondiale, la ricerca scientifica, la politica di coesione territoriale, la politica linguistica e, infine, la dimensione internazionale con riferimento alle crisi umanitarie, all’Africa e alle attese della diaspora originaria di questo continente.
La terza parte presenta i protagonisti dell’integrazione europea, dai padri fondatori (Alcide De Gasperi, Konrad Adenauer, Robert Schuman, Jean Monnet, Paul Henri Spaak, Altiero Spinelli) a Jacques Delors e Romano Prodi. La brevità di queste schede ne favorisce l’efficacia e consegna al lettore figure indimenticabili, capaci ancora di trasmettere apertura al futuro e fiducia nell’integrazione europea in una fase di declino dell’entusiasmo iniziale.
Apertura e fiducia che, in ultima analisi, sono anche l’obiettivo di questo denso saggio sull’Europa unita. 

galleria  galleria  galleria  galleria  galleria  galleria  galleria  galleria  galleria  galleria 
Condividi
 

Archivio precedenti:

 

    via Arrigo Davila, 16 - 00179 Roma - tel. +39 06 66514345 +39 06 66514502 - P.IVA 07944581003 - note legali