logo
15 giu 2016

eMORE

Progetto eMORE

                                                                                                                                    

 

 Il Centro Studi e Ricerche IDOS è il coordinatore per l’Italia del progetto eMORE.

eMORE è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea, e attivo in 9 Stati Membri dell’UE, che affronta la necessità di sostenere lo sviluppo e il miglioramento di meccanismi efficienti di monitoraggio e di reporting per l’hate speech (discorso d’odio) on-line e l’hate crime (crimine d'odio) e, in particolare, la necessità di promuovere l'integrazione tra strumenti di monitoraggio e di reporting in un modello innovativo congiunto di conoscenza.

La conoscenza è infatti il fattore chiave per realizzare efficaci ed efficienti iniziative multi-stakeholder di contrasto al crimine, ma attualmente vi è una "cronica mancanza di dati/informazioni affidabili e complete sui crimini d'odio" (OCSE, 2014).

La sinergia tra monitoraggio e reporting  è, quindi, essenziale per colmare questa lacuna, e per sviluppare un quadro basato su una conoscenza di vasta portata.

L'obiettivo generale del progetto è quello di contribuire allo sviluppo, alla sperimentazione e al trasferimento di un modello di conoscenza sulle espressioni di odio online e i crimini d'odio offline, basato su un avanzato sistema circolare di monitoraggio e reporting, per acquisire una profonda conoscenza dei fenomeni e delle tendenze rintracciabili su Internet e nel mondo reale, per consentire analisi comparate a livello nazionale e comunitario, e per sostenere una lotta armonizzata contro i reati motivati ​​dall'odio.

Il modello è strutturato su quattro elementi principali:

1. una conoscenza approfondita e aggiornata

2. un approccio tecnologico innovativo e multidisciplinare

3. una cooperazione tra stakeholders pubblici e privati

4. la visibilità e l'impegno delle vittime/testimoni e cittadini

La base di conoscenza comprenderà le categorie più importanti di reati motivati dall’odio (sesso, razza, religione, orientamento sessuale e disabilità).

Gli obiettivi specifici del progetto sono:

1. sviluppare e testare uno strumento innovativo per rilevare e monitorare automaticamente espressioni di odio on-line (Crawler);

2. sviluppare e testare uno strumento di reporting multi-livello (APP) per il crimine d’odio;

3. sviluppare e testare un modello circolare di conoscenza, basato sull'integrazione tra i dati e le informazioni raccolte attraverso gli strumenti di monitoraggio e di reporting sviluppati dal progetto(Knowledge platform);

4. promuovere l'impegno delle vittime e dei testimoni, facilitando il loro accesso all’APP;

5. promuovere il networking e la cooperazione tra gli stakeholders  e il loro empowerment;

6. migliorare la visibilità e la diffusione dei risultati del progetto, al fine di facilitare la loro trasferibilità negli altri Stati membri dell'UE e la sostenibilità del progetto.

 

CONSORZIO

 

Lead partner

RISSC – Research Centre on Security and Crime, it

 

Partners

CEJI - A Jewish Contribution to an Inclusive Europe, be

CLR - Centre for Legal Resources, ro

College for Public Administration and Administration for Justice -Police Department, de

IDOS Research Centre, it

Ilga Portugal, pt

LAND, it

KISA - Action for Equality, Support, Antiracism, cy

MPG - Migration Policy Group, be

North West Migrants Forum, uk

PI - Peace Institute, sl

SOS Malta, mt

Associated partner

UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali

 

Partecipa alla nostra indagine online

 

Condividi
 

    via Arrigo Davila, 16 - 00179 Roma - tel. +39 06 66514345 +39 06 66514502 - P.IVA 07944581003 - note legali